Tag Titolo Abstract Articolo
www.storiaestorici.it
storia, storie, narrazioni
Roberto Moro
Pier Paolo Pasolini
“un edonismo neolaico dimentico di ogni valore”
immagine
Non vi è niente di religioso nel modello del Giovane Uomo e della Giovane Donna proposti e imposti dalla televisione. Essi sono due Persone che avvalorano la vita solo attraverso i suoi Beni di consumo (e, s'intende, vanno ancora a messa la domenica: in macchina). Gli italiani hanno accettato con entusiasmo questo nuovo modello che la televisione impone loro secondo le norme della Produzione creatrice di benessere (o, meglio, di salvezza dalla miseria). Lo hanno accettato: ma sono davvero in grado di realizzarlo? No. O lo realizzano materialmente solo in parte, diventandone la caricatura, o non riescono a realizzarlo che in misura così minima da diventarne vittime. Frustrazione o addirittura ansia nevrotica sono ormai stati d'animo collettivi.
6 febbraio 2012 – Corte dei Conti, Sezioni Riunite
Relazione del Procuratore generale
immagine
Va evidenziata la mancata ratifica della Convenzione penale del Consiglio d’Europa sulla corruzione datata 1999, già da tempo sottoscritta dall’Italia e la giacenza presso la Camera dei Deputati del ddl n. 2156/10 recante disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione. Quale aderente dal 2007 Gruppo di Stati contro la corruzione, l’Italia è stata sottoposta a valutazione da parte del Gruppo nel 2009 il cui rapporto finale rileva che, malgrado la determinata volontà della magistratura inquirente e giudicante di combatterla, la corruzione è percepita in Italia come fenomeno consueto e diffuso, che interessa numerosi settori di attività: l’urbanistica, lo smaltimento rifiuti, gli appalti pubblici, la sanità e la pubblica amministrazione. Il rapporto rivolge all’Italia ventidue raccomandazioni - - suddivise tra il settore della repressione e quello della prevenzione della corruzione, ritenendo che la lotta alla corruzione deve diventare una questione di cultura e non solo di rispetto delle leggi. In particolare si raccomanda il riordino della normativa sulla corruzione anche attraverso un testo unico rilevando pure una qualche facilità con la quale in Italia i reati di corruzione cadono in prescrizione ed anche perplessità sulle ragioni del cd Lodo Alfano.
Transparency International
183 paesi: come si comporta il Belpaese?
immagine
In Italia, sembra ormai essersi radicata una cultura della corruzione che fa assuefazione e neppure censura più per cui, la "piccola" che non è stigmatizzata. Raccomandazioni e favori rubati, quotidiani sgambetti al merito e al senso di responsabilità non sempre suscitano una riprovazione sociale. Questo basso costo morale della trasgressione sarebbe un segno di assuefazione sociale alla corruzione, un adagiarsi su una mogia legislazione di contrasto. Tuttavia la percezione diffusa della corruzione rilevata da Tranparency International è ancora elevata e colloca il nostro paese in fondo ad ogni classifica. Il giudizio della gente è netto: quasi il 90% ritiene i partiti politici siano i più corrotti, con i media e gli uffici delle imposte a seguire.
1981 - Enrico Berlinguer
28 luglio 1981 - (audio, video e PDF)
immagine
“La questione morale non si esaurisce nel fatto che, essendoci ladri, corrotti, concussori in alte sfere della politica e dell'amministrazione, bisogna scovarli, denunciarli, metterli in galera. La questione morale, nell'Italia d'oggi, fa tutt'uno con l'occupazione dello stato da parte dei partiti, con la guerra per bande, con la concezione della politica e con i metodi di governo. Ecco perché dico che la questione morale è il centro del problema italiano”. Perché non ricordare nell’Italia del presente che vi fu un tempo in cui la classe politica seppe esprimere valori profondi?
Omaggio a Jacques Le Goff
L’impegno dello storico verso il futuro
immagine
Quale può essere il contributo specifico di uno storico nel parlare di una storia del XXI secolo, il nostro secolo, e della sua storia ossia di una storia non solo tutta da scrivere, ma ancora tutta da fare? - “Lo storico deve reperire ciò che, a volte, sotto la copertura e la superficie mutevole e brillante degli eventi, esiste come struttura e come fenomeno profondo. D'altra parte, deve essere sensibile ai cambiamenti, perché la storia non è immobile e le società che costituiscono il suo oggetto di studio non sono immutabili. Ecco perché credo che lo storico abbia qualcosa da dire sul modo in cui si annuncia il XXI secolo e possa formulare delle ipotesi illuminate e ragionevoli, sulla base di ciò che sa del passato e del presente, sul modo in cui entreremo nel XXI secolo”.
Marc Ferro
Omaggio alla scuola delle Annales
immagine
Lo sbaglio che lo storico ha sinora commesso è stato quello di essersi troppo allontanato dai soggetti, dai cittadini, dalla gente, un po’ come i militanti dei partiti politici si stanno allontanando dalla popolazione. I loro discorsi rischiano così di apparire loro incomprensibili e senza legami con le aspirazioni della società. Allo stesso modo esistono dei discorsi storici, dei libri scritti da storici che sono troppo lontani dai bisogni della società, dalle sue richieste e che diventano così articoli puramente scientifici.
Omaggio a George Duby
Origini e metodologia della storia della quotidianità
immagine
Il sogno di una ricostruzione integrale del passato è un'idea del tutto superata. Questa progetto si è rivelato assolutamente impossibile. Da almeno quarant'anni gli storici e i filosofi che riflettono sulla storia hanno stabilito con assoluta certezza che essa non era altro che un'illusione romantica. Oggi riteniamo che si possa scorgere soltanto una piccola parte del passato ed è forse illusorio anche credere di poter pervenire alla verità di poter cogliere i genuini atteggiamenti degli uomini di altri tempi.
Fernand Braudel
intervista di Renato Parascandolo
immagine
A proposito delle grandi contraddizioni che muovono la storia, una volta mi è stato chiesto se io ritengo che la lotta di classe rappresenti, come credeva Marx, il motore della storia. La mia risposta è che non c’è un motore della storia del mondo. Ci sono tanti motori, tante forze. Tuttavia ci si può domandare se la lotta di classe non sia eterna. Essa scaturisce dall'esistenza di una gerarchia sociale. Jean Paul Sartre sognava una società senza dislivelli, cioè l'eguaglianza di tutti. Io, che sono uno storico, non ho mai incontrato una società simile, anche se mi farebbe molto piacere, sarebbe una scoperta meravigliosa! Ma non esiste una società egualitaria. In ogni società c'è una minoranza che ha nelle sue mani il potere, i privilegi, le belle donne, il denaro, le automobili: in tutti i paesi del mondo le cose vanno così. La lotta di classe esiste da sempre.
omaggio a Claude Levi Strauss
Ma ormai non solo i tropici sono "tristi"
immagine
«L’ateismo moderno», scrive Lévinas, «non è la negazione di Dio, è l’indifferentismo assoluto di Tristi tropici. Penso che sia il libro più ateo che sia stato scritto nei nostri tempi, il libro più disorientato e disorientante». Alterità ed estraneità, simpatia e delusione si confondono nell’emozione che Levy Strass ha provato per qual prodotto della natura, quell’eterno selvaggio che siamo noi sempre a rischio e sempre fragili nel tentativo di costruire società e culture che nulla hanno di perfetto e che, prigioniere della loro struttura, ben poco hanno di divino. In una intervista del 2005, l’autore di Tristi tropici, ci racconta il disagio della civiltà.
Jared Diamond
Intervista di Amos Esty
immagine
Jared Diamond, il vincitore del premio Pulitzer, autore di "Armi, acciaio e malattie" è un professore di geografia alla UCLA che ha iniziato la sua carriera scientifica in psicologia e poi l'ha proseguita nella biologia evoluzionista e nella biogeografia. Si è dato, ha detto, " il modesto compito di cercare di spiegare il pattern generale della storia umana, su tutti i continenti, per gli ultimi 13.000 anni". Diamond ha ricevuto molta attenzione per aver posto alcune domande basilari. Il suo ultimo libro, "Collasso: come le società scelgono di fallire o di avere successo", esplora le ragioni per cui alcune società decadono, mentre altre sopravvivono per secoli o perfino per millenni. Il libro esplora anche i pericoli a cui è esposta la nostra moderna società globale ed offre alcuni suggerimenti per evitare una catastrofe ambientale prodotta da noi stessi. Amos Esty, che lavora per la rivista American Scientist, ha parlato con Diamond a proposito delle cause del collasso in società come quelle dell'isola di Pasqua e degli "uomini del nord" che colonizzarono la Groenlandia nel 984 dopo Cristo - e sulle possibilità che abbiamo di condividere una simile sgradevole destino.
Storia&storici è diretto da Roberto Moro
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact